mercoledì 9 maggio 2018

3B e 4A in visita di istruzione in Francia

Le visite d'istruzione offrono spesso l'occasione di approfondire in maniera unica e divertente ciò che
si studia sui banchi di scuola: é stato questo il caso della visita d’istruzione in Francia che ha permesso a noi alunni di 3B e di 4A del liceo Sereni di immergerci nella coinvolgente e drammatica storia delle due guerre mondiali.

Alla visita del museo della resistenza e della deportazione di Besançon, sono seguite, il secondo giorno di permanenza, quelle della cittadina di Verdun e del suo "Verdun Memorial Museum" e del Memoriale: in questi due giorni siamo potuti venire a contatto con le realtà dei periodi presi in considerazione e con ogni aspetto della vita quotidiana di quei tempi, abbiamo potuto approfondire in modo più dettagliato gli eventi riguardanti la Guerra e le sue fasi e, inoltre, il memoriale della città, ad alto impatto emotivo, ci ha fatto riflettere su ciò che, in fondo, resta dopo una guerra; migliaia e migliaia di croci bianche disposte meticolosamente in fila, ognuna in ricordo di un padre di famiglia o di un giovane figlio caduto in battaglia sono state sufficienti a farci riflettere.

Nel corso del terzo giorno, la visita guidata al Parlamento Europeo di Strasburgo si é rivelata fin da subito molto interessante sia per i temi di attualità trattati sia perché, grazie all'esperta guida, abbiamo potuto osservare con i nostri stessi occhi tutto ciò che vi è dietro le quinte del Parlamento stesso, dalle sedute ai colloqui tra i vari politici nelle numerose sale presenti nella struttura.
In seguito, un luogo a dir poco suggestivo, la Linea Maginot,
ci ha fatto quasi toccare con mano le tante difficoltà dei soldati, che hanno passato parte della loro vita sottoterra, che, costretti in stretti corridoi a convivere con il costante rumore dei vari macchinari, hanno costruito una struttura in grado di rendere la loro vita il più comoda possibile, pur consapevoli di vivere in un momento davvero critico per il loro Paese, che non consentiva loro alcun tipo di agio: dormivano sí, ma sempre pronti a difendersi da un nuovo attacco nemico.

Nel quarto ed ultimo giorno, infine, ha seguito la visita alla città di Colmar e al suo caratteristico centro, chiamato "Petite Venice": il tempo a disposizione ci è servito sia per girare la città in tutta tranquillità, seguendo i suoi numerosi canali, sia per riposare in vista del lungo viaggio di ritorno, interrotto solo dalla vista mozzafiato delle cascate del Reno a Sciaffusa, il modo migliore per concludere la gita.

Non solo una rinnovata consapevolezza storica riguardo agli eventi considerati ma anche una sensibile riflessione sulla guerra, su ciò che essa comporta e sui grandi sacrifici che ha chiesto ai nostri nonni e bisnonni sono ciò che più ci rimarrà di questa visita d’istruzione, che ci ha resi certamente più maturi e più consapevoli della nostra storia ma che ci ha anche responsabilizzato ad essere cittadini più presenti e attivi, fieri del nostro Paese. Ringraziamo quindi i professori che ci hanno accompagnato, prof.ssa Milani, prof.ssa Sonnessa e prof. Conti, insieme alla Dirigente scolastica, dott.ssa Patrizi, per l’opportunità che ci hanno dato e aspettiamo il prossimo anno scolastico per una nuova esperienza, altrettanto utile e interessante.


Martina Ceraudo e Federico Lanella (3B); Giulia Cuomo e Federico Grilli (4A)